image1 image1 image1

Dinuovo alle elementari...

Durante la fiera del Tempo Libero 2010 (qui a lato un'immagine)  abbiamo esposto il plastico di modellismo ferroviario realizzato con la Scuola Elementare di San Giacomo (BZ), durante un laboratorio scolastico.

Un'insegnante della scuola elementare Manzoni di Bolzano (Rita che salutiamo calorosamente), ci ha chiesto di poter ripetere l'iniziativa con la "sua" scuola, la scuola primaria "Manzoni" di Bolzano.

Abbiamo accolto con entusiasmo la richiesta ed abbiamo iniziato i preparativi subito dopo la chiusura della fiera.

 

 

Le classi impegnate sono la IV A e la IV B, che qui accanto vediamo in foto.

Ha quindi preso corpo l'idea di realizzare due plastici distinti: una classe si sarebbe occupata della parte riguardante Cesenatico, con gli aspetti caratteristici di una cittadina marina, ed una classe avrebbe invece messo il proprio impegno per realizzare gli aspetti peculiari di una città montana come Bolzano.

Ogni martedì quindi, a partire dal mese di ottobre, per due ore circa, per un totale di sette mesi circa, entrambe le classi si sono cimentate nella realizzazione dell'opera.

Ci siamo incontrati alcune volte con le due insegnanti che maggiormente sarebbero state coinvolte dal progetto (Rita, appunto, e Carla), prima di partire col lavoro.

Abbiamo steso un progetto di massima, traendo spunto dalla gita che le due classi impegnate nell'iniziativa avrebbero fatto alla Colonia Cinquestelle di Cesenatico. Ecco il perchè del plastico "Bolzano/Cesenatico".

Abbiamo quindi fatto un elenco degli oggetti che avrebbero dovuto far parte del plastico, con particolare attenzione alle differenze tra le due città. I bambini stessi ci hanno dato le indicazioni del caso.

 Guardate voi stessi come hanno fatto.

E' stato davvero uno spettacolo vedere oltre 40 bambini impegnarsi in un'opera che sembra facile, ma che richiede invece impegno ed attenzione.

 Ecco allora l'elenco dei Baby-modellisti, che saranno certamente contenti di leggere il proprio nome sul nostro sito:

 

 Nicole Caccamo

Gaia Luca

Andreoli Alex

 Poli Letizia

Borin Giada

Sofia Bilato

Andrea Miuzzo

Gallo Gabriele

Carrella Lisa

Claudia Stefani

Piccolin Federico

Greggio Lucia

Garzilli Simone

Libertino Michele

Maiorano Noemi

Simone Scoz

Vasarin Alissa

Davide Rosatti

Salsotto Marco

Dandaro Lorenzo

Buzzoni Elisa

Arianna Segovia

Benetti Giulia

Bianca Bampieri

Ullah M. Ashir

Rossin Miriam

Salvotti Carol

Salvi Alex

Matteo Larcher

Andreoli Chiara

Summerer David

Vignozzi Luca

De Barba Miriam

Refatti Chiara

Mancin Davide

Dellis maria Sofia

Brugnara David

Dona' Bryan

Spagnuolo Andrea

Scuttari Lara

Valentino Francesco

Bradiani Zoe

E qui li vediamo tutti insieme alla cerimonia di inaugurazione del plastico, avvenuta per celebrare l'iniziativa in modo solenne alla presenza, in ordine da sinistra, del Vice-Presidente dell'associazione Marco Scaramella, dell'insegnate Rita Faranna, della Dirigente scolastica sig.ra Mirka Passerella, della sig.ra Simona Altichieri Kettmair (ospite d'onore e rappresentante della Fondazione della Cassa di Risparmio di Bolzano che ha in parte finanziato il progetto), degli insegnanti Carla  Degasper ed Andrea Belli.

Per commemorare ancor di più l'inaugurazione del plastico, e per ricordare anche chi ha contribuito  all'iniziativa in modo determinante, al centro del plastico è stata apposta una targa, che nomina quali sostenitori del progetto oltre alla Fondazione, anche il Fondo Speciale del Volontariato, presieduto dal Presidente della Provincia Dr. Luis Durnwalder, sempre molto attento e generoso.

A partire quindi dal primo martedì di ottobre abbiamo lavorato congiuntamente nelle due classi, partendo da due tavole di compensato completamente liscie, delle dimensioni di 200 x 120 cm circa ciascuna. Per dare un'idea, ecco le due tavole:

  Qui a sinistra la tavola che avrebbe rappresentato Bolzano, con alcuni condomìni già realizzati e con una stazione decisamente più grande di quella di Cesenatico.   

Qui a destra, invece, la tavola riproducente Cesenatico, con i primi fogli per realizzare il mare pronti per essere posati. Per unire il tutto abbiamo poi inventato una galleria urbana, che avrebbe ospitato la stazione di arrivo di una funivia, che sarebbe partita dalla montagna innevata presente sulla prima tavola. Sia la galleria che la montagna sono state realizzate con una rete metallica e con dello stucco. Quest'ultimo è stato causa di misteriori "imbiancamenti" a camicie, pantaloni e grembiuli dei ragazzi !

Non riusciamo ancora oggi a capirne il motivo ! Le mamme dei ragazzi, sempre molto pazienti, avranno certamente perdonato il colore dopo aver visto il risultato ottenuto ! 

Per la realizzazione dell'opera abbiamo utilizzato costruzioni della Auhagen , binari della Märklin , alberi della Heki-Kittler , funivie della Brawa e materiale elettrico della Viessmann . Tutte queste aziende germaniche hanno creduto nella nostra iniziativa, e ci hanno fornito il materiale a condizioni eccezionali. Il loro sostegno è per noi dimostrazione di fiducia nel nostro operato.

Non è stato sempre facile tenere "tutti" a bada, ma quando erano impegnati nella costruzione c'era quasi incredibilmente silenzio !

E' stato davvero emozionante vedere più di 40 piccoli modellisti guardare le istruzioni di montaggio, confrontarsi,  ogni tanto addirittura litigare per chi avrebbe dovuto costruire piuttosto che pitturare, guardare increduli le costruzioni che pian piano prendevano forma, insieme al plastico che da tavola liscia è divenuto un vero e proprio capolavoro.

Ecco quindi alcune immagini per ricordare la "fatica" ! 

Fate "click" sull'immagine per ingrandirla.

 

 

 

 

     
       
       
       

 

 

 

 

Durante la lavorazione  abbiamo pensato che sarebbe stato carino realizzare un giornalino che avrebbe documentato le varie fasi dell'iniziativa, anche per spiegare a chi non poteva essere presente, genitori amici e parenti, come si realizza un plastico.

L'idea è stata accolta con entusiasmo e tutti si sono messi subito al lavoro. Il risultato ?

A noi sembra di tutto rispetto; giudicatelo voi dalle immagini che seguono...

 

 

 

 

   
     
     

 

 

 

 

 

All'interno del giornalino sono elencati, è d'obbligo farlo presente, gli sponsor dell'associazione che con il loro contributo permettono la realizzazione di numerose iniziative come questa.

Il lavoro ultimato è stato esposto alla Fiera del Tempo Libero 2011, dove l'Associazione ha occupato un'enorme Stand allestito ad hoc per l'iniziativa.

Stand e plastico sono stati letteralmente presi d'assalto, come potete vedere dall'immagine qui a fianco.

Attrazione numero uno del nostro stand è stato, ovviamente, il plastico realizzato che è anche stato messo in funzione nella parte treno e nella parte funivia.

Ecco un'immagine del plastico all'interno dello stand.

Sponsor d'eccezione per la fiera è stata la cantina vinicola di S.Paolo - Appiano, che ogni anno mette a disposizione numerosi (e gustosi) premi. Ecco allora che a fare da contorno al plastico abbiamo trovato i poster dei prodotti della cantina stessa.

All'interno della galleria fotografica potete trovare molte altre immagini del plastico realizzato e non solo.

Concludiamo con i ringraziamenti alla Scuola tutta, che ci ha permesso di realizzare questo progetto, agli sponsor, al corpo insegnanti che ci ha seguito ed aiutato ed ai ragazzi che si sono cimentati nell'impresa.

Chissà che in futuro qualcuno di loro diventi modellista appassionato....

 

free joomla templatesjoomla templates
Today20
This week180
This month516
Total136456

Visitor IP : 107.20.120.65 Visitor Info : Unknown - Unknown Venerdì, 15 Dicembre 2017 11:54

Who Is Online

Guests : 16 guests online Members : No members online
Powered by CoalaWeb